Copertina ufficiale della serie TV Black Mirror

In questi ultimi anni sono state lanciate tantissime serie televisive, tra cui alcune di particolare originalità e tra queste non si può non menzionare una britannica, dal titolo "Black Mirror". Questa serie, trasmessa per la prima volta alla fine del 2011 dal canale televisivo anglosassone Channel 4 e sbarcata nel nostro Paese quasi un anno dopo (Ottobre del 2012), si distingue nettamente dalle altre classiche produzioni dello stesso genere per la tipologia di trama e di costruzione originale della stessa.

Black Mirror ti sbatte in faccia la realtà senza alcun tipo di risentimento, si tratta di una fantascienza cupa e inquietante, a tratti brutale. Charlie Brooker, ideatore della serie, non si è minimamente posto il problema di piacere allo spettatore, riuscendo comunque nell’intento. Nonostante la giustizia trionfi in ogni episodio non vi aspettate il lieto fine, anzi aspettatevi dei finali di puntata inaspettati e cruenti, ma non dal punto di vista fisico, entreranno nella vostra psiche e vi faranno rendere conto di quanta verità contengono e di quanto la nostra società si stia tristemente evolvendo verso una tecnologia dominante sulle menti umane.

Black Mirror è una serie TV proposta da Netflix, infatti potrete trovarla, sul portale in streaming HD e Full HD. Se avete un dispositivo cellulare I Phone o Android oppure un pc Mac o Windows, di vecchia data e che non supporta l’alta definizione, potrete trovarlo tranquillamente anche in formati di qualità più bassa, nello specifico i classici formati 480p, 1080p,720p. Lo stesso vale per chi non disponesse di una connessione wifi ma solamente della connessione dati del cellulare. In questi casi, sprattutto se state viaggiando, consiglio sempre il download degli episodi con un wifi, in modo che durante le ore di viaggio potrete vedere Black Mirror in streaming senza consumare i giga del telefono.

Il filo conduttore di una serie TV senza trama

La peculiarità di questa serie TV sta nel fatto che che non segue una storia, ogni puntata è fine a se stessa. Certamente, c’è un filo conduttore che accompagna tutte le puntate, il quale a mio avviso è composto da due fattori principali: la giustizia che trionfa e la tecnologia che sovrasta le menti umane in modo inquetante. Ogni episodio, infatti, è ambientato in uno scenario molto simile a quello dei nostri giorni, variato esclusivamente da una tecnologia al momento inesistente, come ad esempio un chip che registra la memoria o un dispositivo che riproduce la personalità delle persone morte. Il titolo stesso fa riferimento agli “schermi neri” che ci circondano, e a quanto siano importanti nella vita di ognuno di noi, talmente importanti da poterci distruggere psicologicamente o addirittura fisicamente.

Tali schermi neri, come quelli di uno smartphone oppure di un tablet o anche di un semplice computer e che utilizziamo praticamente ogni giorno, simboleggiano un progresso, ma in senso piuttosto negativo, fatto di assuefazione, di condizionamento, di omologazione e di effetti collaterali particolarmente subdoli e nefasti, come poi si scoprirà in ogni puntata. E, come abbiamo detto, ciascuna di queste presenta unicamente tale tematica come fattore comune con le altre, senza avere, come succede solitamente con le serie tradizionali, altri elementi quali i singoli personaggi e le loro storie intrecciate, ad esempio.

La giustizia che trionfa

Uno degli aspetti emergenti in Black Mirror, è quello della giustizia. Ma non pensate ad una giustizia legale, si tratta più di della giustizia che il nostro inconscio vorrebbe veder realizzata, un po’ come la castrazione chimica per gli stupratori. In ogni puntata c’è questo tipo di giustizia, come se ci fosse un Dio decisore di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. La vita è vista come una palestra dove non ci sono seconde possibilità, se sbagli paghi, e il conto è salato.

La tecnologia è sempre protagonista, infatti, le punizioni derivano da invenzioni ad oggi sconosciute e ogni personaggio utilizza tali innovazioni per raggiungere uno scopo ben preciso. E’ impressionante come, anche chi vuole fare del bene si trovi spesso vittima di questo gioco senza riuscire a liberarsi dalla morsa.

Il dominio della tecnologia

Come già accennato prima, la serie TV fa riferimento all’infinità di oggetti muniti di schermo che fanno parte della nostra vita. Durante le varie puntate vengono introdotte delle nuove tecnologie, anche senza schermo. Nonostante questo i display sono i protagonisti indiscussi di ogni songolo episodio.

L’intento del produttore, non è quello di mostrare quanto la società sia dipendente dagli schermi, ma vuole mostrare in maniera subdola e inquietante quanto, questi ultimi, incidano sulle prime opinioni che abbiamo delle persone, su come creiamo le nostre impressioni in base a quello che vediamo sui social.

Dove vedere Black Mirror in streaming

Black Mirror come accennato prima, è una serie TV proposta da Netflix. Al momento conta quattro stagioni, l'ultima molto recente, è uscita in italiano il 29 dicembre 2017. Le puntate sono reperibili anche in lingua originale e con i sottotitoli sia sub eng che sub ita.

Le prime due stagioni sono state composte soltanto da tre episodi, mentre la terza e la quarta sono arrivate a contenerne sei. Ad inframmezzare seconda e terza stagione è arrivato un episodio speciale, denominato "White Christmas" (andato in onda in Italia ad Ottobre 2015). Poi, alla fine della quarta, addirittura è stato girato un vero e proprio film collegato alla serie, dal titolo Bandersnatch. A Giugno 2019 risulta in programmazione ed è molta attesa la quinta stagione di questa particolare opera televisiva.

Nonostante una tematica di fondo alquanto particolare e di non facile trattazione, Black Mirror ha riscosso considerevole successo (sia in Gran Bretagna che all'estero) ed ottenuto svariati premi: un International Emmy Award come miglior serie televisiva nel 2012, mentre alcuni singoli episodi nel 2016 (San Junipero) e 2017 (USS Callister) sono stati premiati con complessivi cinque Emmy Award. In particolare, il primo di tali episodi si è aggiudicato quello come miglior film per la televisione.  

Trailer della prima stagione

Link per guardarlo in streaming su PC, Tablet, Smartphone e/o su Smart TV

Netflix

Acquista la serie

Per chi fosse interessato al cofanetto Blu Ray, purtroppo al momento è disponibile solamente per le prime due stagioni. Ad ogni modo, è possibile acquistarlo su Amazon.

Amazon


Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Come vedere in streaming The Witcher? Ecco la serie tv Netflix tanto attesa

Come sta accadendo già da alcuni anni, al successo straordinario di un videogioco segue il lancio di un film o di una serie televisiva basato su di esso, con l’obiettivo di riuscire a bissare gli stessi risultati anche sul piccolo o grande schermo. Basti ricordare, ad esempio, il famoso videogame della saga di Resident Evil, da cui sono state tratte poi svariate pellicole cinematografiche, con protagonista la splendida attrice e fotomodella Milla Jovovich.

Leggi tutto...

Suburra in streaming: cosa c’è da sapere su questa serie TV?

Suburra è una serie tv italiana, la prima originale netflix , uscita nel 2017 che fu diretta da Michele Placido e Giuseppe Capotondi. La prima stagione fu andata in onda per la prima volta su netflix il 6 Ottobre 2017 e consecutivamente, dato il suo successo, fu trasmessa anche da rai2.

Leggi tutto...

Sole a catinelle in streaming: la doppia faccia dell’Italia

Quando si pronuncia il nome di Checco Zalone ormai ci si riferisce alla vera e propria élite della comicità italiana e non solo. Luca Pasquale Medici, per l’appunto in arte Checco Zalone, muove i primi passi nella nativa Bari salvo affermarsi a livelli nazionali con le prime apparizioni in quel di Zelig.

Leggi tutto...