immagine di copertina del film Il Petroliere

Il Petroliere è un appassionante film di genere drammatico diretto da Paul Thomas Anderson e tratto dal romanzo “Petrolio” scritto da Upton Sinclair. E' un film per cinefili veri, ambientato in California ai primi del '900, con la partecipazione di Daniel Day-Lewis che recita nel ruolo di un minatore del Texas che diventa un ricchissimo petroliere. In questo articolo scopriamo di più sulla trama del film e soprattutto come guardarlo in streaming.

Strepitoso Daniel Day-Lewis: premio Oscar 2008!

Per quanto riguarda l'attore protagonista, Daniel Day-Lewis si mostra ancora una volta all'altezza della sua fama e interprete di assoluta caratura, soprattutto nella parte drammatica. Il britannico, infatti, ha ottenuto tre premi Oscar in carriera e sempre per parti difficili in pellicole impegnative. Basti pensare al film "Il mio piede sinistro", con cui vinse la prima statuetta nel 1990, e ad "Abraham Lincoln" di Steven Spielberg, con cui si è aggiudicato l'ultima statuetta nel 2013. In mezzo, nel 2008, la seconda di esse proprio con "Il Petroliere" che, lo ribadiamo, è un film da storia del cinema.

Nel periodo intercorso tra queste pellicole, Day-Lewis ha fatto poche interpretazioni, ma tutte performance straordinarie e con registi di altissimo livello: da Michael Mann ne "L'ultimo dei Mohicani" fino a Martin Scorsese in "Gangs of New York". In effetti, negli ultimi venti anni, egli ha lavorato solo a 6 film. L'attore è noto, comunque, per il suo considerevole eclettismo e la notevole maestria nell'interpretare personaggi totalmente diversi tra loro. Questo lo rende uno degli interpreti più richiesti e soprattutto apprezzati dai registi.

Il Petroliere è stato un film decisamente premiato: oltre ad essere stato dedicato alla memoria di Robert Altman, il famoso regista e sceneggiatore statunitense, la pellicola è stata insignita del terzo premio come “Il più grande film del XXI secolo”.

In effetti, quest'opera è stata accolta positivamente dalla critica e, come detto, ha conquistato numerosi ed importanti riconoscimenti. Oltre al premio Oscar ottenuto da Daniel Day-Lewis come miglior attore protagonista, la fotografia ha ottenuto lo stesso ambito premio grazie al maestro Robert Elswit. Il tutto abbinato a ben 6 nomination complessive. Sempre nel 2008, tra i diversi premi ottenuti, vi sono un Golden Globe ed un Bafta (gli Oscar del Regno Unito), ambedue vinti dallo straordinario interprete britannico ed due Orsi d'argento al Festival di Berlino per la regia di Paul Thomas Anderson e la musica di Jonny Greenwood.

Alcune curiosità su questa pellicola, prima di passare alla trama. Dal film è stata tratta un'edizione speciale del celebre gioco da tavolo Monopoly, che si rifà al titolo originale dell'opera cinematografica: There will be Monopoly. Inoltre, il film è stato girato negli stessi luoghi (Marfa, in Texas) di un' altra leggendaria pellicola, "Il Gigante" di George Stevens, in cui vi è ultima interpretazione dell'attore James Dean prima della sua tragica scomparsa in un incidente stradale avvenuto alcuni giorni dopo la fine delle riprese.     

La trama del film

Siamo nel 1898 e Daniel Plainview, un cercatore d’argento, scopre per puro caso in una delle sue miniere un grande giacimento di petrolio e, guadagnati i primi soldi, decide di avviare una compagnia di estrazione di sua proprietà. Durante il lavoro, però, un suo dipendente è vittima di un incidente e Daniel decide di prendersi cura del figlio dell’uomo, ormai orfano, spacciandolo per suo figlio.

Inizialmente, lo scopo del ricco petroliere è quello di passare per un buon padre di famiglia e servirsi della presenza del giovane per influenzare i proprietari dei terreni con giacimenti di petrolio su cui vuole mettere le mani. Ma in poco tempo, il ricco magnate, si affeziona veramente al ragazzo.

Trascorsi 12 anni, Plainview è ormai uno dei petrolieri più ricchi, conosciuti ed importanti e viene in possesso di un’informazione riguardante un fruttuoso giacimento di petrolio che si troverebbe in California nella proprietà di Little Boston, appartenente a Paul Sunday che è proprio l’uomo che gli ha venduto l’informazione.

Così, Plainview e il figlio H. W. si recano alla suddetta proprietà facendo finta di essere dei cacciatori di quaglie e, verificata la presenza del giacimento, cercano di entrare in possesso del terreno nascondendo ad Abel Sunday, padre di Paul, la presenza del petrolio. Tuttavia, Eli Sunday, il gemello di Paul, è a conoscenza del giacimento e fa in modo che il prezzo di vendita salga a 10.000 dollari in modo da poterli usare per fondare una sua chiesa. Plainview versa subito i 5.000 dollari e promette di pagare i restanti come donazione alla chiesa.

In breve, però, i rapporti fra i due si incrinano: il petroliere non paga il debito con la famiglia Sunday ed accusa Eli di essere un falso profeta.

Mentre Plainview incontra un certo Henry che gli confessa di essere suo fratello, il figlio H.W. perde l’udito durante l’esplosione di una delle miniere. Il petroliere vede nell'incontro con Henry una possibilità di cambiamento, ma W.  è geloso di questo nuovo zio e, abbattuto anche dalla perdita dell’udito, dà fuoco all’abitazione dove i due fratelli stanno dormendo. Fortunatamente i due uomini si salvano e il ragazzo viene portato in una casa di cura specializzata. Henry e Daniel, a questo punto, decidono di iniziare a lavorare insieme ma durante un viaggio, Plainview scopre che Henry è un impostore che, avendo conosciuto il vero fratello del petroliere, ha deciso di inscenare una farsa per sfruttarne la ricchezza. Plainview decide così di uccidere Henry.

Gli affari a Little Boston. Daniel deve piazzare un oleodotto e per farlo ha necessità di ottenere una concessione da un cittadino della zona, che glielo concede solo se Daniel si convertirà alla chiesa di Eli e riprenderà con sé il figlio H. W. abbandonato all’istituto di cura.

La storia finisce a ridosso del 1929, poco prima della grande depressione. Daniel è ormai alcolizzato e il figlio prende in mano la sua fortuna recandosi in Messico in cerca di nuovi affari. Arrabbiato per l’abbandono, il petroliere rivela la verità sulla sua storia al ragazzo adottato che rimane estremamente deluso.

Quando ormai la situazione economica è un vero disastro, Plainview riceve la visita di Eli, anch'egli sul lastrico, che gli offre di entrare in affari insieme. Come al solito, fra i due uomini c’è una forte competizione e la controproposta di Daniel è una sua accettazione a patto che Eli rinneghi l’esistenza di Dio. Quest'ultimo, ormai corrotto, accetta ma Daniel si tira indietro nuovamente. Accecati dalla furia si scatena una lotta fra gli uomini che finisce con Eli ucciso da Plainview.

Qualche piccola curiosità su “Il Petroliere”

La pellicola viene considerata una perla cinematografica a cura di Paul Thomas Anderson a cui si aggiunge ancora più valore con la superba interpretazione di Daniel Day-Lewis. La scena più importante del film è rappresentata dall’esplosione del pozzo petrolifero: per girarla, gli addetti della produzione vi dedicarono una giornata intera. Nel corso delle riprese della stessa scena, il cielo di Marfa (Texas) si riempì di un densissimo fumo nero. Anche se molto costosa ed impegnativa, la scena risultò enormemente riuscita.
Ne furono tutti soddisfatti tranne i fratelli Coen; infatti, a poca distanza dal luogo in cui era situato il set del film "Il Petroliere", i due fratelli registi si accingevano a girare le riprese esterne della pellicola “Non è un paese per vecchi”. La più che ottima fotografia del film dei Coen fu affidata a Roger Deakins che possedeva già 5 nomination agli Oscar e, di certo, non poteva essere rovinata dal fumo che proveniva dal set del film di Anderson.
Così, Ethan e Joel Coen si ritrovarono costretti a sospendere le loro riprese, che riuscirono a riprendere solamente il giorno successivo.
"Il Petroliere" e "Non è un paese per vecchi" si sono curiosamente ritrovati a confronto per gli oscar del 2008, entrambi con ben 8 nomination. Mentre la pellicola dei fratelli Coen si è aggiudicata ben quattro statuette, fra cui quella di miglior film, quella di Paul Thomas Anderson ha ricevuto solo due oscar, fra cui quello praticamente scontato a Daniel Day Lewis come miglior attore protagonista. Durante l’intervista post premiazione, l’attore ha dichiarato di essersi rotto una costola mentre giravano una scena in cui doveva cadere in un pozzo: Daniel non ha voluto controfigure e l’ha girata da solo, precipitando sul fondo. 

Trailer

Link per guardarlo in streaming su PC, Tablet, Smartphone e/o su Smart TV

SkyGo

Acquista il film

Amazon


Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Come vedere in streaming The Witcher? Ecco la serie tv Netflix tanto attesa

Come sta accadendo già da alcuni anni, al successo straordinario di un videogioco segue il lancio di un film o di una serie televisiva basato su di esso, con l’obiettivo di riuscire a bissare gli stessi risultati anche sul piccolo o grande schermo. Basti ricordare, ad esempio, il famoso videogame della saga di Resident Evil, da cui sono state tratte poi svariate pellicole cinematografiche, con protagonista la splendida attrice e fotomodella Milla Jovovich.

Leggi tutto...

Suburra in streaming: cosa c’è da sapere su questa serie TV?

Suburra è una serie tv italiana, la prima originale netflix , uscita nel 2017 che fu diretta da Michele Placido e Giuseppe Capotondi. La prima stagione fu andata in onda per la prima volta su netflix il 6 Ottobre 2017 e consecutivamente, dato il suo successo, fu trasmessa anche da rai2.

Leggi tutto...

Sole a catinelle in streaming: la doppia faccia dell’Italia

Quando si pronuncia il nome di Checco Zalone ormai ci si riferisce alla vera e propria élite della comicità italiana e non solo. Luca Pasquale Medici, per l’appunto in arte Checco Zalone, muove i primi passi nella nativa Bari salvo affermarsi a livelli nazionali con le prime apparizioni in quel di Zelig.

Leggi tutto...