Il 2 ottobre 2001 ha debuttato sulla NBC, la serie Tv Scrubs, creata dalla mente di Bill Lawrence (ovvero l’autore di Clone High e Spin City) capace di combinare workplace comedy e surrealismo in un ambiente ospedaliero. Coadiuvato da un'ottima scrittura e da un cast formidabile, questo show è stato un’inesauribile fonte di risate sino al 6 maggio 2009, giorno in cui è andato in onda il suo finale di stagione (considerando l’ottava serie dato che la nona è più uno spin-off).

Tutt’oggi resta ancora una serie ineguagliabile (la serie seguente di Lawrence, dal titolo Cougar Town, infatti, non ha avuto lo stesso successo) con i suoi 182 episodi con John Dorian e tutti i suoi amici. Vediamo quindi perché Scrubs è una grande serie da vedere e rivedere in tutte le sue otto fantastiche stagioni che hanno regalato risate, emozioni e contenuti profondi, riuscendo a svincolarsi dal ruolo trito e ritrito di comedy gettando le basi per un nuovo genere: la dramedy. Scrubs, in ogni episodio, in tutti i suoi piccoli e pungenti momenti di riflessione, è riuscito a restituire ai telespettatori un mondo concreto e reale, fatto di momenti di gioia, attimi di cinismo e periodi di dolore.

Ridere e piangere allo stesso tempo

Essendo una serie comica che ha per protagonisti dei medici, ovviamente Scrubs viene spesso associata a M.A.S.H., cioè lo spin-off televisivo del film creato da Robert Altman. Ovviamente, non c’è nessun ospedale militare della guerra in Corea (utilizzata per essere il simbolo del conflitto in Vietnam, che all'epoca era ancora in corso) ma, per entrambe le serie lo spirito è veramente simile: tutte e due sono estremamente divertenti grazie ai personaggi e alle situazioni esilaranti, però, sono anche delle rappresentazioni alquanto realistiche di quello che avviene in campo medico. Infatti, basti pensare già al quarto episodio della serie Scrubs, cioè “La mia vecchia signora” che è incentrato sulla morte di ben tre pazienti, oppure anche alla celebre puntata “Il mio sconvolgimento” in cui il dottor Cox, sotto shock per la scomparsa di un amico, lo immagina ancora vivo. L’equilibrio fra la commedia e la tragedia resta una costante per l’intera durata dello show, ed ha ampiamente contribuito al suo status di programma imprescindibile del nuovo millennio.

Indiscrezioni sul film

A distanza di diversi anni dall’ultimo episodio, ogni singolo fan di scrubs continua a sognare il ritorno dei tanto amati medici sul piccolo schermo. Infatti, le avventure di JD (ovvero Zach Braff), di Turk (cioè Donald Faison), di Elliot (interpretata da Sarah Chalke) e dell'indimenticabile Dr. Cox (vestito da John McGinley) sono riuscite ad incantare moltissimi telespettatori a tal punto da emozionare ogniqualvolta su internet giri la voce di un possibile remake della celebre serie ambientata all'ospedale Sacro Cuore. Anche dopo la grande delusione della nona serie, cioè Scrubs: Med School (che aveva un cast completamente diverso dalle precedenti), gli estimatori di questa famosa tragicommedia tutta made in USA aspettano con trepidazione un altro prodotto televisivo che riesca a cancellare l’amaro finale lasciato dalla suddetta ultima stagione.

Una piccola curiosità

Non tutti sanno come il rapporto fra Turk e J.D. rispecchi una relazione di amicizia che esiste realmente. Il realismo di Scrubs affiora anche nei vari casi clinici esaminati e non soltantoo J.D. esiste nella realtà ma anche i pazienti che deve curare si ispirano a persone reali. Naturalmente, per la tutela della privacy sono stati variati molti dati come il sesso, l’età e l’aspetto fisico, ma quello che accade ad ognuno di loro riflette esattamente le situazioni che Dolly Klock e Jonathan Doris hanno dovuto affrontare. C’è da chiedersi se anche la celebre e terribile scena in cui il Dr. Cox, predo dalla disperazione dopo una serie di trapianti con organi infetti, non sia stata ispirata da una situazione realmente accaduta!

Scrubs in streaming

Orami è risaputo che si tratta di una serie impossibile da non conoscere, uno show che vi catapulterà in un mondo di risate e vita reale che vi terrà incollati allo schermo.

Trailer

Link per guardarlo in streaming su PC, Tablet, Smartphone e/o su Smart TV

FOX

Acquista la Serie

Amazon



Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Come vedere in streaming The Witcher? Ecco la serie tv Netflix tanto attesa

Come sta accadendo già da alcuni anni, al successo straordinario di un videogioco segue il lancio di un film o di una serie televisiva basato su di esso, con l’obiettivo di riuscire a bissare gli stessi risultati anche sul piccolo o grande schermo. Basti ricordare, ad esempio, il famoso videogame della saga di Resident Evil, da cui sono state tratte poi svariate pellicole cinematografiche, con protagonista la splendida attrice e fotomodella Milla Jovovich.

Leggi tutto...

Suburra in streaming: cosa c’è da sapere su questa serie TV?

Suburra è una serie tv italiana, la prima originale netflix , uscita nel 2017 che fu diretta da Michele Placido e Giuseppe Capotondi. La prima stagione fu andata in onda per la prima volta su netflix il 6 Ottobre 2017 e consecutivamente, dato il suo successo, fu trasmessa anche da rai2.

Leggi tutto...

Sole a catinelle in streaming: la doppia faccia dell’Italia

Quando si pronuncia il nome di Checco Zalone ormai ci si riferisce alla vera e propria élite della comicità italiana e non solo. Luca Pasquale Medici, per l’appunto in arte Checco Zalone, muove i primi passi nella nativa Bari salvo affermarsi a livelli nazionali con le prime apparizioni in quel di Zelig.

Leggi tutto...