Copertina cinematografica del film Passengers

La pellicola Passengers è un film diretto, nel 2016, da Morten Tyldum e scritto da Jon Spaihts. Vede come protagonisti Jennifer Lawrence e Chris Pratt che si alternano fra i generi di avventura, drammatico, fantascienza, sentimentale. Di seguito la trama e i riferimenti per lo streaming.

Questo film ha  ricevuto due candidature al Premio Oscar e, in Italia, soltanto nel primo weekend ha incassato ben 1,5 milioni di euro, mentre nelle prime 3 settimane 5,1 milioni di euro.

Le riprese sono iniziate nel 2015 ad Atlanta, mentre alcune riprese sono state fatte a Los Angeles nel 2016.Il primo trailer uscì solo il 20 settembre del 2016.            

Il regista Morten Tyldum, nato a Bergen il 19 maggio 1967, ricevette nel 2015 una candidatura al premio Oscar come miglior regista con il film the Imitation Game e la stessa candidatura la ricevette poi agli Empire Awards con il medesimo film.

La protagonista Jennifer Lawrence, nata a Louisville il 15 Agosto del 1990, nel corso della sua carriera ha ricevuto diverse candidature a vari premi fra i quali 4 agli Oscar (di cui uno vinto), 2 ai Bafta e 4 ai Golden Globe.

Chris Pratt (il vero nome è Christopher Michael Pratt) è un attore statunitense (nato in Virginia nel 1979), in questo film ottenne molta fama che gli fruttò molte candidature e diverse premiazioni cinematografiche fra cui  la candidatura per il miglior attore del 2017 al Saturn awards proprio per questo film.

Di seguito la trama e i riferimenti per lo streaming.

Riconoscimenti ricevuti

Il film ebbe un gran successo tanto che al premio Oscar ricevette la candidatura alla miglior scenografia; all’Art Directors Guild awards vinse per la migliore scenografia, mentre al Saturn Award ricevette ben 5 candidature: miglior film di fantascienza, migliore attore (Chris Pratt), migliore attrice (Jennifer Lawrence), migliore scenografia e migliore colonna sonora.                                                                                                                                                                                                        

La trama del film

Vediamo l'astronave a gestione automatizzata, denominata Avalon, sta compiendo un viaggio interstellare della durata di 120 anni in direzione della colonia Homestead II. A bordo dell’astronave sono presenti 5000 persone che si trovano in uno stato di sonno criogenico e che per motivi diversi, hanno scelto di abbandonare il loro pianeta, la Terra, per trasferirsi su questo nuovo pianeta. A causa di un incidente con dei meteoriti, l'astronave, inizia a registrare alcuni malfunzionamenti, tra cui, il risveglio, 90 anni prima rispetto al previsto, di uno dei passeggeri. Si tratta dell'ingegnere meccanico Jim Preston, il quale capisce di essere l’unico essere umano sveglio sull'astronave e che la sua vita finirà prima che il viaggio giunga a destinazione.

Jim si ritrova così con la solo compagnia del robot barista Arthur e per quasi un anno prova ad adattarsi a quella vita solitaria. Intanto tenta svariate volte di entrare nella sala dove sono ibernati gli altri passeggeri, ma, non riuscendoci, si rimette ai consigli di Arthur di godersi gli svaghi offerti dalla nave e si stabilisce in una suite tra quelle disposte ai piani superiori dell’astronave ma nonostante ciò, a causa della depressione, un anno dopo, arriva quasi a pensare di suicidarsi.

A questo punto, Jim, desidera ardentemente di avere compagnia e decide di risvegliare un altro passeggero, e precisamente, concentra le sue attenzioni nei confronti della giornalista e scrittrice Aurora Lane. Tramite il computer di bordo si appassiona alla personalità di Aurora e fingendo, come nel suo caso, un malfunzionamento dell’astronave, la risveglia.

Jim, si scopre, desiderava andare via da un pianeta dove la sua professione era divenuta inutile, mentre Aurora, si è imbarcata per stabilirsi sul pianeta per la durata di una anno e poi desiderava fare ritorno sulla terra e scrivere un libro sulla colonizzazione dei pianeti, destinato ai posteri.

I due, col tempo, finiscono per innamorarsi, ma, la sera in cui Jim desidera dichiararsi ad Aurora con un anello, Aurora scopre dal robot Arthur che il suo risveglio è stato opera di Jim.

La donna, delusa, reagisce in malo modo, provando addirittura ad ucciderlo. Jim, consapevole del suo errore, non reagisce. Dopo l’agitazione iniziale i due si separano decidendo di non vedersi né parlarsi mai più.

Così, i due umani iniziano ad indagare scoprendo numerose avarie sull’astronave che la stanno danneggiando irreparabilmente. Poco tempo dopo Gus, che soffre di una serie di problemi di salute causati dal malfunzionamento della sua capsula di ibernazione, muore, lasciando, però, ai due superstiti, il suo identificativo per permettergli l’accesso alle aree riservate. Jim e Aurora restano ancora una volta soli, e a causa della criticità della situazione si riuniscono.

I due protagonisti di Passengers indagano sui guasti e Jim, scoperta un’avaria al reattore, tenta di aggiustarlo sostituendo il pezzo danneggiato ma non ci riesce allora, decide di uscire nello spazio esterno per aprire il portello di areazione e permettere la ventilazione non funzionante. Purtroppo il tubo della tuta spaziale di Jim si rompe ed allora anche Aurora esce per recuperarlo ed evitare che il giovane muoia a causa della mancanza di ossigeno.

I due scoprono che nella capsula medica che Aurora ha usato per salvare Jim, c’è un congegno che permetterebbe almeno ad uno dei due di ibernarsi nuovamente ma i due innamorati, decidono di vivere insieme sull'astronave, che, finalmente, dopo 88 anni giunge a destinazione

L'equipaggio, risvegliatosi, trova il piccolo ecosistema pieno di vegetazione e ascolta la voce di Aurora che racconta la storia sua e di Jim e di come avevano deciso di creare una nuova vita.

Trailer

L’amore disperato dei protagonisti

I film, come qualsiasi opera d’arte, prescinde, non sempre totalmente, dalle intenzioni originali di chi li crea, ogni spettatore avrà sempre la propria percezione della vicenda e si concentrerà su un dettaglio piuttosto che su un altro, il tutto in una percezione soggettiva.
Passengers è uno di quei film che creano delle aspettative nel pubblico, un po’ per gli attori scelti, un po’ per la trama, ma in realtà tutti sanno già che non passerà certo alla storia, soprattutto per via delle occasioni utilizzate male o quasi totalmente sprecate.
Tuttavia se vi state chiedendo se valga la pena vederlo, sappiate che la risposta è affermativa: il film non annoia (qualità fondamentale), ma al contrario coinvolge ed in alcuni punti cerca di conquistare gli spettatori e vi riesce grazie alla storia d’amore qui narrata e ai grandi temi di fondo: la solitudine umana, il dubbio amletico di cosa fare per superare la situazione e la questione centrale del protagonista: è giusto coinvolgere un’altra persona pur sapendo di condannarla a morte oppure no?
come molte delle storie simili a questa i due protagonisti vivono una storia d’amore intensa, ma allo stesso tempo vediamo l’uomo elevarsi al di sopra e scegliere di porre al suo fianco la donna pur sapendo di condannarla a morte.

Il dubbio esistenziale, dunque, non è affatto da poco ma Passengers non è forse il miglior mezzo per affrontarlo e quindi ci si ferma così, si rimane sospesi con l’eterno dubbio, gli spettatori forse più attenti si chiederanno se sia giusto tifare per la storia d’amore tra i due o essere razionali e dichiarare che in realtà è errato mostrarceli come due innamorati il cui amore resiste a tutto.
Passengers sbaglia solo in questo, sbaglia nel voler porre allo spettatore un gran quesito che sa già di non poter trattare a fondo, sa già che nessuno darà una risposta, lasciandolo sospeso e con un senso di colpa più o meno intenso per aver simpatizzato per i due, complice l’intesa tra gli attori che risulta innegabile.
Per concludere, dunque, basta affermare che è necessario prendere il film per quello che è: una storia d’amore vissuta nello spazio, un film che coinvolge ed interessa per la maggior parte del tempo, soprattutto se lo si guarda senza aspettative particolari o senza porsi delle grandi domande: perciò prendere i popcorn, qualche buon amico e godetevi la storia!

Link per guardare Passengers in streaming su PC, Tablet, Smartphone e/o su Smart TV

Mediaset Premium Microsoft Tim Vision

Acquista il film in Blu Ray

Amazon


Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Come vedere in streaming The Witcher? Ecco la serie tv Netflix tanto attesa

Come sta accadendo già da alcuni anni, al successo straordinario di un videogioco segue il lancio di un film o di una serie televisiva basato su di esso, con l’obiettivo di riuscire a bissare gli stessi risultati anche sul piccolo o grande schermo. Basti ricordare, ad esempio, il famoso videogame della saga di Resident Evil, da cui sono state tratte poi svariate pellicole cinematografiche, con protagonista la splendida attrice e fotomodella Milla Jovovich.

Leggi tutto...

Suburra in streaming: cosa c’è da sapere su questa serie TV?

Suburra è una serie tv italiana, la prima originale netflix , uscita nel 2017 che fu diretta da Michele Placido e Giuseppe Capotondi. La prima stagione fu andata in onda per la prima volta su netflix il 6 Ottobre 2017 e consecutivamente, dato il suo successo, fu trasmessa anche da rai2.

Leggi tutto...

Sole a catinelle in streaming: la doppia faccia dell’Italia

Quando si pronuncia il nome di Checco Zalone ormai ci si riferisce alla vera e propria élite della comicità italiana e non solo. Luca Pasquale Medici, per l’appunto in arte Checco Zalone, muove i primi passi nella nativa Bari salvo affermarsi a livelli nazionali con le prime apparizioni in quel di Zelig.

Leggi tutto...